Arte & Arredamento

IL VETRO è l’ elemento strutturale che porta ad essere posto in tutti gli ambienti, rendendoli individuali, senza separarli, lasciando libera la luce di diventare superficie e di raffinare e amplificare lo spazio arredandolo attraverso i riflessi e le sue evanescenti ombre.
IL QUADRO espone visioni capaci nel far fantasticare e suscitare mille emozioni e interpretazioni. Nel suo complesso arreda la stanza o gli ambienti dov’é collocato. Al visitatore, qualunque sia lo stile,  porta a porre lo sguardo e diventa componente di stile, cultura e arredo della casa.
Giuseppe Frison nasce a Venezia il 29.02.1952. Autodidatta, attivo dal 1977, ha identificato e realizzato l’arte agli esordi con i maestri: Vivaldo Martini, Luciano Dall’Acqua, Egidio Costantini, Guidi.
Nel 1982, ricevendo pareri favorevoli della critica, si confronta con il pubblico effettuando numerose mostre con opere di: quadri ad olio, sculture lignee, sculture di vetro, grafica e incisione, partecipando a importanti rassegne d’arte a Venezia, in Italia e all’estero.
Frison ama la natura e si è avvicina da appassionato alla montagna anche alle Dolomiti.
Ebbene la montagna, anche per chi ben la conosce come Frison, diventa una dimensione spirituale.
Ecco che la sua pittura lagunare si esterna, interpretando la montagna, per lui che la vive dentro e non con effimere retoriche, con pennellate che affondano, riuscendo con la materia a dare quella giusta scabrosità della parete, materializzando i colori della roccia che egli scala. Dalle sue opere scaturire l’anima della montagna che egli scala, i colori del calcare rosso mattone, rosa, all’indico avvicinandolo alla tenue luce delle distese lagunari. Un sposalizio perfetto per un vero veneziano che ama la sua città ma nello stesso tempo tra i monti sa cogliere l’essenza della natura, e la luce, l’acqua, la roccia, la natura accompagnano il Frisonq, il quale sa scartare le nostalgie e punta dritto al midollo esaltando le bellezze della natura. critico d’arte: Paolo Rizzi.